“Gaudete et exultate”: 7. Santi attraverso le occasioni che il Signore ci offre

Venerdì 7 per Anno 2018 – Santi, nel mondo contemporaneo

       La vita  ci offre tante occasioni sia ordinarie che straordinarie per diventare santi.   

      I segreto è «Vivere  il momento presente, colmandolo di amore»   

       In questo la nostra fiducia è riposta nel Signore Risorto che condivide la sua vita potente con le nostre fragili vite.        ———————————–

– I – DISPONIAMOCI ALLA PREGHIERA
– PREGHIERA DELLA CELLULA

– METTIAMOCI ALLA PRESENZA DI DIO
– Signore Gesù, poiché tu mi offri l’ occasione di amarti di più, non permettere che io sprechi o perda uno solo di questi momenti che tu prepari e disponi con sapienza mirabile, e fa’ che ciascuno di essi segni un nuovo progresso nel mio cammino verso di te.

– INVOCHIAMO LO SPIRITO SANTO   Spirito Santo, vogliamo appartenerti con tutto il nostro essere, offrirti i nostri pensieri, i nostri desideri e le nostre azioni, affinché tutto in noi sia tuo e che in ogni istante la nostra vita sia posseduta dal tuo amore.

II – ASCOLTIAMO LA PAROLA
1 – Le occasioni che la vita ci offre per diventare santi.   17. A volte la vita presenta sfide più grandi e attraverso queste il Signore ci invita a nuove conversioni che permettono alla sua grazia di manifestarsi meglio nella nostra esistenza «allo scopo di farci partecipi della sua santità» (Eb 12,10). Altre volte si tratta soltanto di trovare un modo più perfetto di vivere quello che già facciamo: «Ci sono delle ispirazioni che tendono soltanto ad una straordinaria perfezione degli esercizi ordinari della vita cristiana».      Adoriamo in silenzio

2 – «Vivo il momento presente, colmandolo di amore»     Quando il Cardinale Francesco Saverio Nguyên Van Thuân era in carcere, rinunciò a consumarsi aspettando la liberazione. La sua scelta fu: «vivo il momento presente, colmandolo di amore»; e il modo con il quale si concretizzava questo era: «afferro le occasioni che si presentano ogni giorno, per compiere azioni ordinarie in un modo straordinario». 18. Così, sotto l’impulso della grazia divina, con tanti gesti andiamo costruendo quella figura di santità che Dio ha voluto per noi, ma non come esseri autosufficienti bensì «come buoni amministratori della multiforme grazia di Dio» (1 Pt 4,10).       Adoriamo in silenzio

3 – Il Signore il Risorto condivide la sua vita potente con le nostre fragili vite. Bene hanno insegnato i Vescovi della Nuova Zelanda che è possibile amare con l’amore incondizionato del Signore perché il Risorto condivide la sua vita potente con le nostre fragili vite: «Il suo amore non ha limiti e una volta donato non si è mai tirato indietro. E’ stato incondizionato ed è rimasto fedele. Amare così non è facile perché molte volte siamo tanto deboli. Però, proprio affinché possiamo amare come Lui ci ha amato, Cristo condivide la sua stessa vita risorta con noi. In questo modo, la nostra vita dimostra la sua potenza in azione, anche in mezzo alla debolezza umana» Adoriamo in silenzio
———————————————
Segue un lungo silenzio ( “Parla, Signore, che il Signore ti ascolta”) – Ascolta! – Medita! – Prega!

• Padre nostro.

• Canto eucaristico – Incenso – Oremus

• BENEDIZIONE EUCARISTICA – Dio sia benedetto.