ADORAZIONE EUCARISTICA L'Adorazione è l'atto più alto di una creatura umana

Novembre 7, 2020

Gerusalemme città della Pace

Filed under: Preghiere sui Salmi — admin @ 7:00 pm

 PREGHIERA PER  IL 27 Ottobre 2020       (Salmo 121)   

 Il vero interesse dei pellegrini, però, è soprattutto il Tempio, la casa del Signore, che è sorgente di pace, di unità e di gioia per gli arrivati.

Non è difficile a noi che preghiamo questo Salmo capire che in esso è contenuto un messaggio rivolto a noi uomini di oggi, estremamente bisognosi di pace-unità  e gioia.

——————–

I – DISPONIAMOCI ALLA PREGHIERA:

  • Mettiamoci alla presenza di Dio (In silenzio creiamo un’atmosfera interiore di intimità con Dio).
  • Invochiamo lo Spirito Santo (Autore della nostra comunione con Gesù e con i nostri fratelli) restando un po’ in silenzio.

 

Preghiamo:         O Signore Gesù, che nel tuo corpo risuscitato hai edificato la nuova Gerusalemme, la Chiesa, per unirla nell’unità del tuo Spirito e confermarla nella carità, concedi che tutte le tribù della terra salgano a lodarti, e tutti gli uomini diventino cittadini del cielo nell’abbondanza della tua pace e nella pienezza del tuo bene.   Amen

 

II – ASOLTIAMO LA PAROLA                                                                           
 

1  Quale gioia, quando mi dissero:
«Andremo alla casa del Signore».

2 E ora i nostri piedi si fermano
alle tue porte, Gerusalemme!

3 Gerusalemme è costruita  come città salda e compatta.

4 Là salgono insieme le tribù,  le tribù del Signore,
secondo la legge di Israele, per lodare il nome del Signore.

5 Là sono posti i seggi del giudizio,
i seggi della casa di Davide.

6 Domandate pace per Gerusalemme:
sia pace a coloro che ti amano,

7 sia pace sulle tue mura,
sicurezza nei tuoi baluardi.

8 Per i miei fratelli e i miei amici
io dirò: «Su di te sia pace!».

9 Per la casa del Signore nostro Dio,
chiederò per te il bene.

 (Fermiamoci e meditiamo queste parole che abbiamo letto)

III – Breve riflessione

                1 –   Ecco un altro Salmo di pellegrinaggio. I pellegrini dopo un lungo e faticoso cammino finalmente arrivano alle porte di Gerusalemme, il sogno di ogni israelita,  e affacciandosi  si trovano davanti ad una città molto bella e rimangono sbalorditi  per le sue costruzioni. Il vero interesse dei pellegrini, però, è soprattutto il Tempio, la casa del Signore, che è sorgente di pace, di unità e di gioia per gli arrivati (vv.1-3)

  • 2 – Non è difficile a noi che preghiamo questo Salmo capire che in esso è contenuto un messaggio rivolto a noi uomini di oggi, estremamente bisognosi di pace-unità  e gioia.                                                                                                                                –  “Là sono posti i seggi del giudizio, i seggi della casa di Davide”. I pellegrini erano diretti verso questa casa (il Tempio), anche se Davide non regnava più. Anche noi oggi andiamo incontro verso un Messia discendente di Davide. Sappiamo che Gesù, il principe della  pace, è già venuto. Noi vogliamo pregare questo Salmo pensando a Colui che è venuto a realizzare la “Nuova alleanza!” (vv.4.5).

                –  PACE- UNITÀ. Per raggiungere questo, anche per noi, come per gli Ebrei, c’è una storia e un destino che accomuna tutti gli uomini: siamo tutti imbarcati sulla stessa nave, sul medesimo pianeta, fra le stesse mura. Bisognerà allora imparare a vivere insieme tra fratelli e sorelle, finalmente vicini gli uni agli altri.                   Signore, che l’umanità tutta diventi come una città in cui tutto è unito, compatto. Che le razze, le culture vi salgano insieme, affinché la pace regni.

  • L’esperienza del pellegrinaggio di allora ha un significato simbolico: partire da casa insieme, affrontare pericoli e fatica, tutti in cammino su una stessa strada, e raggiungere finalmente la meta agognata! E’, in fondo, il destino dell’umanità, in marcia verso “la casa di Dio”. Ma è veramente così? Ci sentiamo in cammino verso Qualcuno che ci attende? (vv.6-9).
  • 3 – Come i pellegrini in vista di Gerusalemme (dove poi Gesù  è morto e risorto Gesù, e dove è stata celebrata la prima Eucaristia) e salutavano la città di Davide ed auguravano   pace alle sue case ed ai suoi abitanti, così noi salutiamo la nuova Gerusalemme la riconosciamo come nostra Madre Chiesa, che ci apre le sue porte. Chiediamo per la Chiesa pace e unità.

——————–

(Ora mettiamoci nella disposizione interiore di Preghiera e chiediamo allo Spirito di metterci nella condizione che ci introduca nella Contemplazione)

——————

IV – Preghiera     Gesù, che hai detto quanto il Padre ora cerchi adoratori in spirito e verità e come tu per questo sei venuto e ti sei fatto eterno pellegrino, accompagna pure noi, liberi e gioiosi, sulla strada verso il regno, vera patria dell’uomo e di Dio.    Amen.

 

Concludiamo la preghiera facendo la COMUNIONE SPIRITUALE.

Invochiamo la Benedizione del Signore e di Maria.

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress