Il nostro è tempo di Missione e di coraggio

      Venerdì 27 per Anno 2019 – 
“E’ la presenza del Signore a rendere efficace il lavoro apostolico e l’opera di evangelizzazione“. È proprio la coscienza di questo che contraddistingue la attività di evangelizzazione del cristiano dal proselitismo.
        Proprio la coscienza che è lo Spirito Santo che rende efficace l’opera di evangelizzazione, ci fa comprendere che “il vero successo della nostra missione è dono della Grazia“.
        La Missione esige coraggio, ma non è questo la garanzia del successo.
—————–

 I –  DISPONIAMOCI ALLA PREGHIERA                                                     
METTIAMOCI ALLA PRESENZA DI DIO   Signore Gesù, che la nostra donazione generosa alla missione, salga a te come un ringraziamento! Sia essa un ringraziamento che cerchi di renderti la vita eterna e la salvezza che tu ci hai dato. Signore fonte di generosità, che il nostro grazie non sia solo una parole o un sentimento, ma un gesto che abbandona il nostro cuore a te.
(In silenzio creiamo un’atmosfera interiore di intimità con Gesù presente nell’Eucaristia)
INVOCHIAMO LO SPIRITO SANTO           Spirito Santo dal linguaggio di fuoco, come nel giorno di Pentecoste, fa’ piovere anche oggi lingue di fuoco su tutti noi discepoli di Cristo. Donaci una lingua che scenda dall’alto per poter parlare il linguaggio di Dio, una lingua che possa offrire il messaggio autentico del Vangelo, senza deviazioni.
(In silenzio invochiamo lo Spirito su di noi e sui fratelli)
 
II   -ASCOLTIAMO LA PAROLA
1 – Oggi è tempo di missione ed è tempo di coraggio
Papa Francesco, riferendosi a San Paolo, “apostolo tonalmente consacrato alla missione“, l’esempio da seguire per la Chiesa e per ogni cristiano, ha sottolineato come “Oggi è tempo di missione ed è tempo di coraggio!“.
Ricorrendo oggi, del resto, la Giornata Missionaria Mondiale, il Vescovo di Roma ha spiegato come proprio San Paolo, ci insegna che “è la presenza del Signore a rendere efficace il lavoro apostolico e l’opera di evangelizzazione“. È proprio la coscienza di questo che contraddistingue la attività di evangelizzazione del cristiano dal proselitismo.
Adoriamo in silenzio
2 -Il nostro impegno missionario richiede il nostro sforzo personale
 Da una parte, infatti, “dobbiamo impegnarci nelle attività pastorali e missionarie“, ha detto Papa Bergoglio, “come se il risultato dipendesse dai nostri sforzi, con lo spirito di sacrificio dell’atleta che non si ferma nemmeno di fronte alle sconfitte“; tuttavia proprio la coscienza che è lo Spirito Santo che rende efficace l’opera di evangelizzazione, ci fa comprendere che “il vero successo della nostra missione è dono della Grazia“.
Oggi è tempo di missione ed è tempo di coraggio! Coraggio di rafforzare i passi vacillanti, di riprendere il gusto dello spendersi per il Vangelo, di riacquistare fiducia nella forza che la missione porta con sé.
Adoriamo in silenzio
 
3 – La Missione esige coraggio, ma non è questo la garanzia del successo.
È tempo di coraggio, anche se avere coraggio non significa avere garanzia di successo. Ci è richiesto il coraggio per lottare, non necessariamente per vincere; per annunciare, non necessariamente per convertire. Ci è richiesto il coraggio per essere alternativi al mondo, senza però mai diventare polemici o aggressivi. Ci è richiesto il coraggio per aprirci a tutti, senza mai sminuire l’assolutezza e l’unicità di Cristo, unico salvatore di tutti. Ci è richiesto coraggio per resistere all’incredulità, senza diventare arroganti. Ci è richiesto anche il coraggio del pubblicano del Vangelo di oggi, che con umiltà non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”. Oggi è tempo di coraggio! Oggi ci vuole coraggio!(Papa Francesco ( 2 Ottobre 2019)
Adoriamo in silenzio
 ————————————–
Segue un lungo silenzio (Parla, o Signore, che il tuo servo ti
ascolta) Ascolta! Medita! Prega!
  • Padre Nostro
  • Canto eucaristico Incenso – Preghiamo
BENEDIZIONE EUCARISTICA Dio sia benedetto.