Beato chi abita la tua casa, Signore.

PREGHIERA PER IL 14 Luglio  2020     (Salmo 84) 
    Chi sta lontano dalla Città santa pensa alla felicità di quelli che sono in pellegrinaggio verso la casa di Dio. Ancora lontano dalla nostra patria, esprimiamo al Signore il desiderio e la certezza di camminare verso di Lui.
      Esso celebra  “la casa di Dio”. Quante “chiese” abbiamo nelle nostre città e nei nostri paesi! 
      Per noi, che cosa sono le Chiese, dove Gesù stesso in persona ha deciso  di prendere dimora attraverso l’Eucaristia! Abbiamo noi altrettanto amore per la casa di Dio?

Canto della vigna devastata

PREGHIERA PER IL 26 GIUGNO  2020      (Samo 79)
   
       Dio, il nostro Pastore, dimentica forse il suo gregge? Il Signore vuole trascurare la sua vigna, abbandonare la Chiesa alla rovina e gli uomini a uno scandalo così terribile?
      Il popolo di Dio invoca il suo Pastore: ascoltaci, mostrati, risveglia la tua potenza; vieni, facci ritornare.
      La tua mano ha trapiantata la vigna per noi e le sue radici hanno riempito la terra, la sua ombra copriva le montagne e i suoi tralci si estendevano fino al mare, ma ora, Signore, la tua vigna è abbandonata!
————————

Leggi altro ›

Beato il popolo di cui Dio è il Signore  

PREGHIERA PER IL 9 GIUGNO  2020        (Salmo 33)     
Rendiamo grazie al Signore: egli ha creato ogni cosa con la sua parola e si è scelto un popolo per compiere fra le nazioni il suo piano di salvezza.
      Per questo amore del nostro  Dio, non resta che nutrire un’invincibile speranza.
      Egli ci rivela l’amore del Padre (Gv. 16,27), “del suo amore è piena la terra” . 

Può Dio dimenticarsi di avere pietà’

PREGHIAMO IL SALMO     (Salmo 76)
Il ricordo dei prodigi operati dal Signore per il suo popolo, ci impedisce di cadere nella disperazione quando sembra che Egli ci abbandoni. 
L’alleanza di Dio è forse finita? – E’ forse cessato il suo amore, la sua Parola, la sua grazia? – Si è chiuso il suo cuore misericordioso? – Questo non è possibile!
    Il Salmo ci suggerisce temi sempre attuali nella vita umana: l’angoscia che sovente non ci fa dormire  – La notte dell’anima e il sentimento dell’assenza di Dio – La preghiera  vista come “lotta” – La trascendenza e la santità di Dio con tutte le conseguenze nel nostro rapporto con Lui.   

L’uomo, pieno di averi non dura 

PREGHIERA PER IL 23 GIUGNO  2020      (Salmo 48)                 
      La sapienza di Dio ci avverte: non è con il denaro che l’uomo può comprare la vita, poiché le ricchezze, come il nome, svaniscono con la morte. Dio solo riscatta dalla morte le anime dei poveri.
      Tutti moriremo; per quanto ricco uno sia, una sola cosa non potrà mai comprare: vivere senza fine, non vedere la fossa! A nulla serve la spavalderia di chi è ricco di gloria; muoiono i sapienti e gli stolti: tutti periscono come gli animali 
        Questo Salmo è una grande meditazione sulla realtà sulla morte. Tale meditazione invita tutti i popoli, tutte le persone, qualunque sia la loro condizione sociale, il luogo dove abitano, ecc., a riflettere a fondo su questa realtà.

“Beato chi in Lui si rifugia”

PREGHIERA per il 16 Giugno 2020        (Salmo 34)
    “Il Salmo parla dei poveri”, che sono gli sventurati, gli umili, i cuori che soffrono. Essi sono destinati ad essere “beati”. Ma chi vuole essere “felice” deve fuggire il male e praticare il bene.. adorare… e cercare Dio
    Tutto questo porta alla felicità; ma per questo il salmista ci esorta:                                                                    1) bisogna adorare il Signore (v. 10).         2) Bisogna ascoltare per imparare il timore del Signore (v. 11).  E questo:          3) comporta l’allontanarci dal male, praticare il bene e cercare la pace. (vv. 13-14).
    Riguardo alla felicità promessa che riempie questo Salmo, dobbiamo dire che non va presa alla lettera, materialmente, perché solo la risurrezione adempie questa promessa. Noi, su questa terra, viviamo queste promesse solo nella Speranza.

Leggi altro ›

Lavo le mie mani nell’innocenza

PREGHIERA PER IL 9 GIUGNO  2020            (Salmo 26)
  • –  Con Cristo che nessuno ha potuto convincere di peccato, saliamo nell’innocenza all’altare del Signore e rendiamogli grazie nella sua casa.
  •  –    Il  Salmista si presenta a noi come un’innocente calunniato e condannato dai malvagi:   “Lavo nell’innocenza le mie mani e giro intorno al tuo altare, o Signore”.
  • –  Questo Salmo che contiene la supplica fiduciosa di un innocente calunniato, ci presenta Gesù, innocente, puro, che non conosce peccato e in cui non si trova inganno,  e in fine diventa vittima di una ingiusta condanna.  
———————–

Dio è mio aiuto!

PREGHIERA PER IL 5 GIUGNO 2020    (Salmo 53)

–    Con Cristo sofferente e con la Chiesa perseguitata chiediamo la salvezza del
Signore. Egli viene in nostro aiuto: offriamogli il sacrificio di ringraziamento. Questo è
il messaggio che possiamo cogliere in questo preghiera.
–    “Ecco, Dio è il mio aiuto, il Signore mi
sostiene”.    La nostra preghiera è piena di suppliche. Nelle nostre suppliche anche noi

possiamo prendere come modello questo Salmo.
–   Se il presente, pieno della violenza degli empi, è buio, il futuro è luminoso perché Dio si schiera dalla
parte delle vittime.
—————————–

Leggi altro ›

E’ Lui il Re della gloria

REGHIERA PER IL 2 GIUGNO 2020
I – DISPONIAMOCI ALLA PREGHIERA(Salmo 23)
         Inneggiamo al Signore, padrone dell’universo, perché ci faccia entrare nel suo tempio al seguito del nostro Re, il Cristo vincitore.
        “Sollevate, porte, i vostri frontali, alzatevi, porte antiche, ed entri il re della gloria”.
        Sollevare”: Quanto dovremmo usarlo questo verbo! Spiritualmente sovente ci accontentiamo di rimanere, magari dignitosamente, in basso: ci basta la terra; il Signore invece ci chiede di sollevare lo sguardo in alto, di puntare in alto, di salire sui monti…  come tutti i Santi! 
————

Leggi altro ›

O Signore, chi potrà varcare la tua porta?

PREGHIERA PER IL 28-29 MAGGIO   SALMO 14
IL Signore ci aiuti ad osservare fedelmente i comandamenti per entrare nella sua casa del cielo.
Se si entra nella casa del Signore, ci vogliono delle regole chiare perché chi si avvicina a Dio deve prima purificarsi. Ricordiamo Mosè davanti al roveto ardente dove Dio si rese presente.
———————

Leggi altro ›

Top