ADORAZIONE EUCARISTICA L'Adorazione è l'atto più alto di una creatura umana

Ottobre 7, 2020

Sia benedetto il nome del Signore

Filed under: Preghiere sui Salmi — admin @ 6:53 pm
PREGHIERA PER  IL 6 Ottobre 2020       (Salmo 112)    
         
          Con tutti i servi di Dio, con la Chiesa del cielo e della terra lodiamo e benediciamo senza fine il Signore; la sua gloria supera i cieli, ma egli i è abbassato per esaltare gli umili.
          Il Salmo è un canto degli ultimi che agli occhi di Dio sono i primi.
          In Gesù “Risorto”, tutti noi  poveri siamo stati strappati alla polvere della morte per poter sedere alla destra di Dio. “Alleluia! Lodiamo il nome del Signore!
——————-

I – DISPONIAMOCI ALLA PREGHIERA:
  • Mettiamoci alla presenza di Dio (In silenzio creiamo un’atmosfera interiore di intimità con Dio).
  • Invochiamo lo Spirito Santo (Autore della nostra comunione con Gesù e con i nostri fratelli) restando un po’ in silenzio.
Preghiamo:     O Verbo di Dio e Signore nostro, che non hai ritenuto gelosamente la gloria che possedevi presso Dio, ma sei disceso sulla terra per sollevarci dalla  nostra polvere  e farci partecipare  alla tua condizione divina, concedi a tutti quelli che tu donato come figli alla nostra Madre, la chiesa, di lodare il tuo nome, che è sopra ogni nome, da ora e per sempre.  Amen
 
II – ASOLTIAMO LA PAROLA     (Salmo 112)
 
 1 Alleluia.  Lodate, servi del Signore,
lodate il nome del Signore.
2 Sia benedetto il nome del Signore,
ora e sempre.
3 Dal sorgere del sole al suo tramonto
sia lodato il nome del Signore.
4 Su tutti i popoli eccelso è il Signore,
più alta dei cieli è la sua gloria.
5 Chi è pari al Signore nostro Dio
che siede nell’alto
 
6 e si china a guardare
nei cieli e sulla terra?
7 Solleva l’indigente dalla polvere,
dall’immondizia rialza il povero,
8 per farlo sedere tra i principi,
tra i principi del suo popolo.
9 Fa abitare la sterile nella sua casa
quale madre gioiosa di figli.
(Fermiamoci e meditiamo queste parole che abbiamo letto)
III – Breve riflessione
Con tutti i servi di Dio, con la Chiesa del cielo e della terra lodiamo e benediciamo senza fine il Signore; la sua gloria supera i cieli, ma egli i è abbassato per esaltare gli umili.
  • Questo Salmo ci invita a “lodare il nome di Dio in ogni tempo e in ogni luogo
(vv. 1-3).
  • Dio è l’Altissimo e il Trascendente. Egli è al di sopra di tutti i popoli – è al di sopra di tutti i cieli – troneggia nel più alto per giudicare tutto e vedere tutto (4-6).
  • Dio ha una predilezione per i poveri. Egli rovescia le situazioni: l’umiliato ritrova la sua situazione di principe, e la sterile ritrova la gioia della fecondità (7-9).
                Il Salmo è un canto degli ultimi che agli occhi di Dio sono i primi. Il debole e il povero è tutto il popolo d’Israele per il quale Dio è intervenuto per liberarlo con la pasqua dalla schiavitù in Egitto e farne finalmente un popolo regale.
La donna sterile è Sara, alla quale è dato Isacco per la sua gioia; lo stesso si dica di Anna, la madre felice di Samuele; e infine Sion, la madre sterile nel suo esilio, alla quale viene data una discendenza (Isaia 49, 21).
                Questo Salmo lo ha cantato Gesù la sera del giovedì santo, appiccandolo alla sua personale vicenda. È Lui, il Figlio di Dio “Altissimo”, che cintosi il grembiale  si presenta come il Servo umile che si china ai piedi  degli uomini  per strapparli alla polvere e farci partecipare alla dignità principesca dei figli di Dio.
Noi possiamo avvicinare questo salmo al Magnifica: anche Maria esalta il nome  santo di Dio; anche Lei canta il Dio che innalza i poveri; soprattutto Lei, la Vergine,  è la donna fortunata alla quale Dio concede una posterità insperata e che le generazioni proclamano beata.
                In Gesù “Risorto”, tutti noi  poveri siamo stati strappati alla polvere della morte per poter sedere alla destra di Dio. “Alleluia! Lodiamo il nome del Signore!
  ——————–
(Ora mettiamoci nella disposizione interiore di Preghiera e chiediamo allo Spirito di metterci nella condizione che ci introduca nella Contemplazione)
——————
IV – Preghiera    O Dio, che ami gli ultimi e i poveri e per loro compi prodigi, chinati ancora dall’alto dei cieli e vedi le infinite oppressioni che imperversano dovunque sulla terra: per ogni fratello che soffre violenza sia il tuo intervento fonte di vera liberazione.    Amen.
Concludiamo la preghiera facendo la COMUNIONE SPIRITUALE.
Invochiamo la Benedizione del Signore e di Maria.

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress