‘Venerdì X Per .Anno 2014

‘Venerdì X Per .Anno 2014

     Le Beatitudini: la carta d’identità del cristiano

 

CANTO

– METTIAMOCI ALLA PRESENZA DI DIO

Signore Gesù, liberaci dalla tentazione di pensare che già ti conosciamo, di rite­nere chetu non hai niente da rivelare alla nostra vita. Aprici all’incontro con te, all’ascolto della tua Parola.

(In silenzio creiamo un’atmosfera interiore di intimità con Gesù presente nell’Eucaristica)

INVOCHIAMO LO SPIRITO SANTO

Venga il tuo Spirito, Signore, perché possiamo sperimentare nel nostro quotidia­no la grazia della tua presenza. Venga il tuo Spirito, Signore, perché ci apriamo al Mistero del tuo Amore.

(In silenzio invochiamo Io Spirito su di noi e sui fratelli)

  • Ø ASCOLTIAMO E PREGHIAMO LA PAROLA (Matteo (5, 1-12)

Le beatitudini sono «la carta d’identità del cristiano» e un «programma di santità» che va «controcorrente» rispetto alla mentalità del mondo. Esse si inse­riscono nel contesto della nostra quotidianità. «Se qualcuno di noi fa la domanda: “Come si fa per diventare un buon cristiano?”», la risposta è semplice: bisogna fa­re quello che dice Gesù nel discorso delle beatitudini.

I – Ecco allora il senso delle sue parole:

«Beati i poveri in spirito»: ossia «povertà contro ricchezza». «Il ricco si sente si­curo con le sue ricchezze. «Le ricchezze non ti assicurano niente. Quando il cuore è soddisfatto di se stesso, non ha posto per la parola di Dio». E per questo che Ge­sù dice: «Beati i poveri in spirito.

«Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati».

Al contrario, «il mondo ci dice: la gioia, la felicità, il divertimento, quello è il bel­lo della vita!». E poi guarda da un’altra parte, quando ci sono problemi di malat­tia… Invece «soltanto la persona che vede le cose come sono, e piange nel suo cuore, è felice e sarà consolata», perché Gesù stesso le darà la sua consolazione.

Adorazione silenziosa

2 ‘ «Beati i miti»; è un’espressione forte, soprattutto «in questo mondo che è un mondo di guerre e di odio; un mondo dove dappertutto si litiga, dove dappertutto c’è l’odio». Eppure «Gesù dice: niente guerre, niente odio! Pace, mitezza!». Qualcuno potrebbe obiettare: «Se io sono così mite nella vita, penseranno che sono unostolto». Tu sii mite, perché così avrai in eredità la terra!».

«Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia». «Quanta gente soffre per le ingiustizie!». Sono beati quelli che lottano contro le ingiustizie». Questa è una dottrina controcorrente» rispetto a «quello che il mondo ci insegna».

«Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia». Si tratta di «quelli che perdonano, capiscono gli errori degli altri. Bisogna sempre pensare che «tutti noi siamo un esercito di perdonati! E per questo è beato colui che va per questa strada del perdono». Adorazione silenziosa

3 «Beati i puri di cuore»; sono quelli che «hanno un cuore semplice, puro, senza sporcizie: un cuore che sa amare con quella purezza tanto bella».

«Beati gli operatori di pace». «L’opposto è il mondo delle chiacchiere»; « questa è gente che non fa pace», che è nemica della pace e non è certo beata.

«Beati i perseguitati per la giustizia»; Gesù ricorda «quanta gente è perseguita­ta» ed «è stata perseguitata semplicemente per avere lottato per la giustizia».

Dunque, «questo è il programma di vita che ci propone Gesù». Un programma «tanto semplice ma tanto difficile» allo stesso tempo. Ecco la strada per «vivere la vita cristiana a livello di santità».

Sono «poche parole, semplici parole, ma pratiche a tutti, perché il cristianesimo è una religione pratica», da praticare, da fare, non solo da pensare.

Adorazione silenziosa

  • Ø La NOSTRA RISPOSTA ALLA PAROLA

A) L’ascoltiamo in silenzio B) La meditiamo (ruminazione!)

`Parla, o Signore, che il tuo servo ti ascolta!” La Parola è un seme da accogliere nel nostro cuore e custodire nel silenziomeditativo.

Seguono le nostre risonanze! Canto

C) Lasciamo sgorgare la preghiera (che vogliamo esprimere a voce alta) – LODIAMO Gesù

– RINGRAZIAMOLO

– DOMANDIAMOGLI PERDONO E INTERCEDIAMO PRESSO DI LUI

  • Ø III— GESU’ PASSA IN MEZZO A NOI E CI BENEDICE

 

Taggato con: